• Dario Dee

Il Mondo è cambiato

Aggiornato il: mar 25

Caro Deeario,


noto solo da qualche giorno che non torno qui a scrivere da mesi nonostante siano stati intensi. Avrei potuto raccontarti ogni dettaglio ed invece non l'ho fatto, ora difficile ricordarli tutti. Però c'è qualcosa che oggi è evidente, dall'ultima pagina scritta qui all'attuale: il Mondo è cambiato. Viviamo mesi incerti, ogni aspetto del nostro quotidiano è stato messo in discussione per colpa di un virus chiamato volgarmente Coronavirus e scientificamente Covid-19. Doveva essere un banale virus influenzale ed invece nel giro di pochi mesi prima ha messo in ginocchio la Cina e oggi il resto del pianeta, l'Italia al momento è il paese che più sta soffrendo. Lo chiamano il nemico invisibile, praticamente è come essere in guerra, da settimane viviamo chiusi in casa, chi può come il sottoscritto resta in isolamento, tutti gli altri possono solo andare a lavoro o al supermercato per fare la spesa.

L'Europa ha cancellato il patto di stabilità, le frontiere sono chiuse, ogni stato si è "murato" non permettendo i viaggi o sconsigliandoli vivamente se non per urgenze. Non posso più viaggiare per lavoro, non posso raggiungere i miei genitori in Puglia, non posso fare Musica in pubblico, neanche posso incontrare i miei allievi. Fermo immobile in casa, scrivo musica, pensieri, studio, leggo qualche fumetto, guardo la TV. Quasi tutta la programmazione televisiva è stata cancellata, solo film, telegiornali, programmi di informazione e poco intrattenimento: se non è possibile garantire la sicurezza di chi lavora, allora tutti restano a casa.

Oggi l'Italia soffre più che mai, gli ospedali sono pieni, molte famiglie perdono amici e parenti, i medici e gli infermieri lavorano senza sosta, i contagi ogni giorno crescono esponenzialmente. La Protezione Civile ci aggiorna di sera in sera, ogni volta è un colpo al cuore. Tra poco il TG delle 20 chissà cos'altro ci dirà. Purtroppo nonostante i divieti e le mille raccomandazioni che riceviamo, troppi decidono di trasgredire egoisticamente, troppi stupidi che mettono a rischio la propria vita e quella di chi incontrano. Per strada pattuglie delle forze dell'ordine e dell'esercito fanno il possibile per contenere e denunciare i trasgressori. Sembra un film, uno di quei film apocalittici, ambientati in un Mondo che è quasi esausto e deserto. Mentre scrivo e rileggo, ho sensazione che sembra tutto surreale eppure è reale. Tra vent'anni queste righe probabilmente faranno esclamare "ma è successo veramente!?". Credo che per chi lo sta vivendo, sia impossibile dimenticare tutto questo.

Mentre sembra che l'umanità sia immobile, la Natura attorno vive. Il cerchio della vita ci ricorda che è Primavera. Il cielo sembra quello di una favola, azzurro che più azzurro non si può, il vento e il sole accarezzano il viso, gli alberi sono in fiore, gli uccellini appena nati cinguettano dal loro nido. La vita non si ferma e vincerà su Covid-19. Prima o poi questa pandemia sarà un brutto ricordo.

Mi prendo l'impegno di scrivere qui ogni momento importante di queste giornate guardate dalle finestre di questa casa. Ho portato il Mondo in queste camere e per fortuna la rete ci permette di non restare isolati, l'odio e la superficialità nei social sono stati sostituiti dall'altruismo e dal patriottismo. L'Italia è un paese pieno di contraddizioni e bello come pochi. Tutti pensiamo che andrà tutto bene.


A presto.

Dario



18 visualizzazioni